Eccellenza: ora è tandem Cedarchis-AmaCa

L'AmaCa è stata raggiunta in vetta dal Cedarchis
Eccellenza. Il pareggio colto nella tana del Davar costa all’AmaCa l’aggancio in vetta alla classifica da parte del Cedarchis che invece ha sconfitto sul sintetico tolmezzino il Real con le reti di Forgiarini e Stefani.

In evidenza in questa quarta giornata l’impresa del Malborghettone capace di stoppare la corazzata Celtic Scluse con la decisiva performance dell’accoppiata Baron-Zanier, mentre l’Ibligine deve archiviare il secondo stop di fila ad opera di un ritrovato Al Quadrifoglio che sfrutta la solita verve realizzativa del consumato bomber Visentin.
In fondo al raggruppamento il Tilly’s Pub porta a casa i suoi primi due punti stagionali affiancandosi a quota due agli sconfitti dell’Ampezzo.

Prima categoria. Trio di testa costretto ad accontentarsi di un sol punto con il Socchieve fermato dalla TerCal Cerruti e Zigotti per i locali, Boccialone e Campana per gli ospiti), l’Arta Terme dai Becs Preone (botta e risposta tra Piazza e Lupieri) ed il Venzone dal Cesclans con il nulla di fatto senza reti. Passi avanti in classifica per i tarvisiani dell’Hotel Raibl Trieste con la cinquina al fanalino Paluzza ed il Calgaretto con la quaterna consegnata al Glemone (reti di Candido, Capra, Martina e Tacus).

Seconda categoria. Sclapeciocs a punteggio pieno dopo aver superato fuori casa l’ostacolo Paularo con il trio Candoni-Cenedese-Quattrini, mentre alle sue spalle la matricola Crots e l’Spqr festeggiano la loro prima vittoria superando rispettivamente l’Adm con Billiani e la doppietta di Plazzotta, mentre a Terzo i locali vanno in cinquina con un irriconoscibile Atletico Bancone.
Di stretta misura invece il successo del Nolas e Lops sulla Pizzeria da Otello.

21 thoughts to “Eccellenza: ora è tandem Cedarchis-AmaCa”

  1. Tanto per cambiare, anziché fare le solite polemiche, voglio complimentarmi con gli Amators Glemone per la loro sportività e il loro spirito amatoriale prima, durante e dopo la gara.

  2. In effetti nel dopo gara dissetarsi solo con acqua minerale e poi leggere tutti assieme un grande classico della letteratura giova alla cordialità.

  3. Mi riferivo al fatto che non hanno picchiato, non hanno protestato, non hanno simulato, non hanno polemizzato, non hanno frignato, ecc. Se poi son tutti astemi, li compiango…

  4. Credo però che Flavio si riferisse non al tuo commento su questo articolo, ma bensì ad un altro commento (non tuo) su un altro articolo. Flavio, che dici, ci ho preso? 😉

  5. Gianluca, per favore… tollero (con gran mal di pancia) tutte le schifezze legate a ortografia e sintassi, ma… per favore… “MA BENSI'” no eh? 😉

  6. E poi io dovrei collaborare con uno che scrive “Ma bensì”?!
    😀 😀 😀

  7. Comunque, caro Serse (mi riferisco al tuo post n° 5), non era il caso che anche tu, invece di scrivere “a ortografia e sintassi”, scrivessi “ad ortografia e sintassi”?!
    L’unico che ha un gran mal di pancia sono io, già capito…
    Senza rancore…
    😀 😀 😀 😀

  8. Al sommo letterato Loris: l’Accademia della Crusca ti fa un baffo eh? 😉

  9. Caro Loris, la “d” va aggiunta soltanto nel caso che la parola successiva cominci con la stessa vocale della precedente. Esempio: “ed eravamo” è corretto “e eravamo” no”! Così come “a ortografia” è corretto. Scrivendo di mestiere, certe cose le ho imparate…
    Senza rancore…
    😉 😉 😉

  10. Infatti “ad esempio” è sbagliato, è più corretto dire “per esempio”. Ma io mi regolo su parametri giornalistici…
    Comunque ha ragione Flavio: sembra sempre di più l’Accademia della Crusca, altro che un sito sul Carnico Amatori! 😉
    Ciao a tutti!
    Serse

  11. 😉 Stefano, il mondo è bello perché è vario! A parte tutto, avete fatto la foto di squadra nuova del Calgaretto, così prima o poi la pubblico sul sito de Il Friuli?
    Grazie mille!

  12. Valgono anche le foto post-allenamento?!
    Potrei averne delle belle…
    😛

  13. Mi secca da morire ammetterlo ma nella diatriba tra Serse e Stefano Molin riguardo “a ortografia” Vs “ad ortografia” ha ragione Serse 🙂

  14. Poi sono dalla parte di Serse anche per il “ma bensì”; natita blu per Gian! Mi ricordo ancora oggi la mia odiosa prof. di latino e italiano in 3 liceo: ogni volta che qualcuno di noi usava ma bensì lei diceva con tono odioso e saccente “O MA O BENSI’ !!!!”, sono consapevole che non dovrei dirlo, perchè potrebbe diventare un boomerang, ma le avrei volentieri sgranato i denti con un crick!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.