Vendemmiata dell’Ampezzo

Pareggio interno per l'Adm allenata da Carlo Tomat

Eccellenza. Alla prima di campionato in evidenza la vendemmiata (a campi invertiti) dell’Ampezzo contro un Malborghettone poco intuitivo nel fermare il furetto Burba ma la sua tripletta resterà unica in quanto destinato a rientrare in Figc.
Successo esterno del neo promosso Celtic Scluse e Davar ko per i gol di Bortolotti, Fachin e Di Val, mentre il Real Tolmezzo inizia alla grande mettendo sotto il Tilly’s Pub con Emanule Nait, Restifo e Sticotti.
I campioni in carica dell’Ibligine vengono stoppati e costretti al pareggio dal Cedarchis, mentre Al Quadrifoglio-AmaCa è stata rinviata.

Prima Categoria. Arta Terme unica formazione a cogliere in rimonta bottino pieno in trasferta contro la Tercal, quindi successi interni di Becs Preone e Cesclans. I ragazzi di mister Missana battono un incompleto Paluzza (Lenisa e doppietta di Zanier), mentre i cavazzini di misura superano i tarvisiani dell’Hotel Raibl-Trieste con l’accoppiata Fava-Ichim.
Termina in parità il derby tra Glemone e Venzone e stesso risultato per la sfida tra Calgaretto e Socchieve con il botta e risposta tra Tacus e Restifo.

Seconda categoria. Sclapeciocs super favorito alla promozione?
Parrebbe di sì dopo la quaterna inflitta al Spqr (doppietta di Peresson), ma il Paularo fa la voce grossa infliggendo il primo dispiacere alla matricola Crots (che non sfigura), mentre la Dognese al fotofinish supera fuori casa il Nolas e Lops.
Perfetto equilibrio invece tra Adm e Atletico Bancone.

Pareggio interno per l'Adm allenata da Carlo Tomat

23 thoughts to “Vendemmiata dell’Ampezzo”

  1. io non trovo giusto che certe partite vengano rinviate già all’ inizio della stagioni perchè i calciatori più forti sono impegnati in altri tornei regionali….Se la rosa della squadra esiste, perchè comunque stiamo sempre giocando in un campionato amatori, bisogna sopperire alle mancanze con i gicatori in lista….Mi sembra che di amatori ci sia ben poco…

  2. Obbiettivamente l’Ampezzo è un’ottima squadra: l’abbiamo incontrata in amichevole a Preone dieci giorni fa e ha impressionato per compattezza e gioco (amche noi, come il Malborghetto, ne abbiamo buscati 6, ma rifilati, per converso, 3).
    Chiaramente se Burba dovesse rientrare in F.I.G.C. la squadra ne risentirebbe, ma non in maniera ecclatante.
    Comunque, come già espresso in precedenza, ritengo sia troppo presto per poter esprimere giudizi definitivi.
    Maman

  3. pregasi sistemare la coppa disciplica nella classifica cannonieri di seconda al giocatore Nenis Andrea. ha preso solo un ammonizione.

  4. “mentre la Dognese al fotofinish supera fuori casa il Nolas e Lops”.. ma l’ha vista la partita questo !?!? boh, meglio non scrivere niente che frasi fatte o inesatezze….

  5. Per mister “x”:
    trovo molto maleducata la frase “ma l’ha vista la partita questo !?!?”. A parte il fatto che nell’intero week end ci sono decine di partite, e ci sta di non riuscire a seguirle tutti. Non si deve quindi essere dei geni per comprendere che molto spesso ci si trova a commentare dei risultati basandoci solo su un referto, se non addirittura su delle voci raccolte da chi l’ha partita l’ha vista o giocata. Aldilà di questo, aldilà del tono che si evince leggendo il commento, quello che trovo intollerabile è la firma – da codardo – del commento stesso.

    Per tutti:
    Da questo momento non saranno più graditi ed ammessi i commenti anonimi o con nickname che non riconducano immediatamente ed inequivocabilmente all’autore. E pazienza se dovrete attendere qualche ora per vedere approvati i vostri commenti. So che non è il massimo, ma così è. Se non vi piace, ringraziate mr. X.

  6. Sono anni che gestisco blog e sono anni che batto sul fatto che è intollerabile accettare commenti anonimi. La libertà di opinione e la privacy sono solo scuse per nascondersi dietro a un dito e sputare ingiurie e vigliaccate senza assumersene le conseguenze. Mi viene da pensare che lo strumento che AMATORI.CARNICO vi offre sia improprio per certe persone, che non vedono l’ora di poter pubbilicamente offendere gridando da sotto il tavolo. Pienamente d’accordo con la redazione. BASTA CONIGLI!

  7. Quello dell’anonimato o dei Nick names è un problema delicato… Ci sono sì i codardi che ne abusano per insultare gratis, ma, a volte, il nick name è l’unica possibilità per qualcuno di accedere a certi blog… Infatti, mio malgrado (c’ho sempre messo la faccia, il nome, il cognome e, se servisse, invierei anche il codice genetico..) prossimamente sarò costretto, nel blog del Crnico FIGC, ad adottare un nick name…

  8. alla cortese attenzione della redazione, il sottoscritto non è per vigliaccheria o codardaggine che usa questo pseudonimo, per prima cosa nei commenti nel corso della stagione passata e corrente non mi sono mai permesso di prendere in giro nessuno e ne di mancare di rispetto, (vedi mister “X”, dibe )anzi ho sempre fatto un plauso a chi se li è meritati, se la frase incriminata vuol dire mancanza di rispetto, vabbè eviterò di scrivere su questo blog, anche perchè secondo me cmq fàceva parte dello spirito amatoriale, il quale poteva essere rivolto a miei compagni di squadra o agli avversari in modo inoffensivo…se poi ognuno vuole capirla a modo suo è libero di farlo. secondo me cmq è meglio scrivere la sintesi del risultato in caso non si sia a conoscenza di come sia andata realmente la partita, tutto qua.infine i toni da voi usati sono secondo me sgarbati e maleducati, e non vorrei passare per una persona che non sono, forse è stato solo un malinteso generale….ribadisco l’in bocca al lupo a tutti i partecipanti dei campionati in corso, saluti di bernardo stefano

  9. Noi modifichiamo i calendari dei campionati, per il Giro d’Italia, e loro ci prendono in GIRO!!! La prossima volta che una tappa del Giro d’Italia coincide con una giornata di Campionato, propongo di giocare a calcio con le loro teste di c….

  10. Mi associo pienamente a quanto asserito dalla redazione e da Quattrini su queste pagine.
    Io, nella vita di tutti giorni, nel lavoro e nello sport, ho a che fare con moltissima gente; purtroppo ho notato, e soprattutto provato sulla propria pelle, che la carenza di responsabilità delle proprie gesta è un male dilagante che sta colpendo le generazioni in maniera pandemica, e chi ci rimette sono sempre coloro che dell’onestà e della trasparenza ne fanno caratteristiche peculiari e genetiche.
    Purtroppo cavalcheremo una guerra persa in partenza, c’è poco da fare.

    Vorrei, infine, esprimere, su queste pagine, il proprio disappunto e sputare veleno su coloro che hanno fatto sì di annullare l’ascesa al monte Crostis previsto dal giro d’Italia nella giornata odierna: continuino pure a degradare questa terra, di gente onesta che lavora, che vive sulle montagne (e qui vivere è una missione!!!…); hanno fermato anche il nostro campionato per omaggiare i ciclisti, per avere in cambio solo pedate nei…

    Scusate lo sfogo.

  11. Ringrazio i “clienti abituali” di questo sito per la comprensione. Ne ero sicuro, comunque. 😉

    Quanto al Crostis, sono ancora incredulo.

  12. Mi spiace, ma sulla questione anonimato dissento decisamente dagli ultimi commenti.
    L’anonimato su internet (o meglio l’uso di nick name che non identificano anagraficamente la persona) è un diritto, non una vigliaccata.
    La censura (perché gira e rigira di questo si tratta, e ammetto che a volte sia necessaria) non deve basarsi sul nome di chi scrive gli interventi, ma sul contenuto di questi ultimi.
    Il voler sapere per forza chi scrive può avere solo una motivazione: conoscere chi è per poi “fargliela pagare” in qualche modo.
    La forza dello strumento internet invece si basa sulla possibilità che ha CHIUNQUE di esprimere critiche e commenti senza paura di rappresaglie nel “mondo reale” (tutt’al più contromisure verso chi abusa dello strumento possono essere prese all’interno dello strumento stesso, ad esempio il ban all’interno dei forum).

    In questo blog l’obbligo di identificazione può facilmente sembrare uno strumento con cui prevenire qualsiasi critica: con il principio del “se dico qualcosa magari poi la mia squadra viene penalizzata”.

    Spero ovviamente di avere torto nel mio esempio e sottolineo che la mia non è una critica a questo blog, ma a tutti coloro che confondono internet con l’osteria.

    P.S. questa penso sia la prima volta che mi firmo con nome e cognome in quindici anni di uso di internet e spero possa essere l’ultima.

  13. No stin a fàasi ridi.
    Ma ridi veramenti!!!
    Ribadisco quanto espresso al post n° 11: cerchiamo di essere responsabili di ciò che facciamo e ciò che diciamo.
    Se andiamo in piazza a pontificare (o in osteria…) invece di scrivere in internet, tutti ci vedono e, pertanto, dobbiamo necessariamente mostrare la faccia.
    Celarsi dietro uno pseudonimo (nick name) non ritengo sia un diritto (esiste in tal senso una norma specifica tutelata da qualche codice costituzionale?!).
    Se poi, tirare il sasso e nascondere la mano sia diventato uso e costume, non mi adeguo.
    Non finirò mai di stupirmi.

  14. Beato te, Loris, che non finisci mai di sorprenderti, io ormai non mi sorprendo più di niente.

    Sull’anonimato, blog e osterie, evitiamo di fare troppa filosofia. Quanto detto da Giuliano potrà anche essere vero (non sto dicendo che lo sia), ma bisogna anche circostanziare il tutto. Questo è il sito del Carnico Amatori, non è una zona di internet di interesse globale. La comunità che segue il sito è composta da tesserati delle squadre che vi prendono parte, più (forse) qualche tifoso. E’ molto più simile ad un osteria virtuale che a un blog dove si discute di argomenti di interesse nazionale o mondiale.
    E comunque, ribadisco, anche a beneficio di chi non vede qui i suoi commenti: non saranno accettati commenti anonimi o con pseudonimi che non permettano il riconoscimento dell’autore. Mi spiace che sia così (non lo era fino a due giorni fa, quindi non si dica che qui c’è un regime di censura), ma così sarà d’ora in poi.

    E a quanti pensassero che in fin dei conti non è stato mancato di rispetto a nessuno, dico che certamente è stato mancato di rispetto all’impegno e al lavoro delle persone che cercano di dare visibilità a questo movimento (e che nel caso di Renato sono fondamentali anche per l’esistenza del movimento stesso). Se ancora non ci arrivate, il prossimo week-end provate a scrivere un articolo sulla giornata di campionato, recuperate i risultati, guardate la classifica, fate magari riferimento ai risultati del turno precedente… e poi leggete un commento che magari non offende voi ma certamente offende il lavoro appena fatto.

    Ciao

    Gianluca

  15. Intervengo, anche se ritengo questa discussione fuori tema ma molto stimolante in un momento in cui la Carnia, grazie a questo ed ad altri spazi, come carnia.la, sta imparando ad usare internet.
    Sono sostanzialmente d’accordo con quanto dice Giuliano: anche io frequento blog e altro da tanto tempo e quindi mi sono spesso scontrato con queste problematiche.

    Per Loris: la costituzione non tratta direttamente dei problemi riguardanti internet e chissà se e quando lo farà vista la scarsa propensione dei nostri governanti sul tema, ma volendo si potrebbe ricondurre al famigerato articolo 21 sulla libertà di stampa, espressione, ecc.
    Certo se il contenuto, e non l’autore come si diceva poc’anzi, è diffamatorio si potrà procedere, ma se è una semplice critica come in questo caso…

    Per Gianluca: non penso che questo blog sia letto solo da giocatori e tifosi. Il fatto che viva su internet lo rende potenzialmente leggibile da chiunque.
    Ciò non toglie che comunque questa decisione si ripercuota su calciatori e tifosi che d’ora in poi dovranno pensarci due volte prima di esprimere qualsiasi critica (quindi sì è censura).
    Pensate al perché internet è considerata mezzo di libertà negli stati totalitari: proprio perché chi scrive non è direttamente identificabile.
    Ora mi direte che sito del carnico amatori e sito delle opposizioni iraniane sono a due livelli totalmente diversi, ma il principio è sempre quello.

    Chiedo scusa per essere stato troppo prolisso, intervenendo forse in maniera troppo “filosofica”, ma è un argomento che mi sta molto a cuore.
    Grazie per l’attenzione.

    P.S. ora che ci penso anche questa misura di censura è un po’ inutile: chi vi assicura che mi chiami effettivamente Antonio Rossetti e non, che so, Giuseppe Garibaldi? Siamo su internet e nessuno mi ha chiesto il documento d’identità…

  16. Partendo dal presupposto che sono d’accordo con Gian quando dice che non è il luogo dove filosofeggiare piu di tanto su certi argomenti, per quanto possano essere di interesse, colgo la palla per sottolinearvi che il nick-name trova collocazione nel nostro testo legislativo, possiede una tutela e in certi versi (art. 7 e 9 Codice Civile) viene equiparato al nome come tutela. Tutto questo pero viene meno quando il nick non è direttamente collegabile a una persona, o perchè troppo fantasioso o perchè non ce una registrazione che lascia traccia. Il discorso del sig. Gardel puo anche trovare accoglimento, ma mi sembra un po come il rapinatore che quando arriva la polizia prende l’ostaggio, ogni nostra azione ha una conseguenza non possiamo pretendere di essere intoccabili qualsiasi cosa diciamo/facciamo. Ce un regolamento nel campionato e non esiste una voce che penalizza una squadra perche un suo esponente illustra i suoi punti di vista. Cerchiamo di pensare al calcio, a quanto è bello avere la possibilita di discutere tra noi e avere uno strumento di informazione cosi puntuale e chiaro. Basta manie persecutorie

  17. Dal momento che ancora nessuno mi ha proibito di scrivere su questo blog, nessun problema.. Ma altrove sono costretto ad usare un nick-name! Anche se ho fatto in modo di essere comunque abbastanza identificabile…

  18. Approfitto per chidere un questa sede se sono gia uscite le documentazioni per l iscrizione di una squadra al collinare invernale, o comunque se posso ricevere via mail info.

  19. Mi dispiace Dani, ma sono assolutamente ignorante in materia. Però ad occhio credo che il collinare apparterrà alla stagione 2011-2012, quindi credo che tu debba fare riferimeno ai comunicati ufficiali di quella stagione sportiva.
    Aloa

  20. Per la documentazione inerente la stagione 2011-12 del campionato collinare LCFC devi attendere circa un mesetto. Solitamente a metà giugno pubblicano il primo comunicato (poi per un mese non ne escono) contenente tutte le scadenze per l’iscrizione delle squadre ai vari tornei. Le procedure poi sono identiche a quelle per il carnico: pagamento anticipato della cauzione, poi tesseramenti ed assicurazioni (sempre sullo stesso conto corrente). Te lo dico per esperienza perchè mi occupo di tutta la macchina burocratica del Celtic Scluse che da 2 anni partecipa anche al campionato di calcetto. Qui trovi il primo comunicato della passata stagione, se può esserti utile per avere un’idea di come è impostato il tutto: http://www.lcfc.it/2010/09/15/comunicato-ufficiale-n-1-del-17062010/

  21. Grazie Gian, Renato si era gia fatto vivo per rispondermi prontamente via telefono. E la tua risposta è quella corretta. We’ll wait…

  22. Buongiorno a tutti. Anche se non metto nome e cognome, il nomignolo mi identifica abbastanza, quindi spero che il webmaster non se la prenderà a male… 😉
    Come direbbe Gasparri, faccio un uso privatistico di un mezzo di comunicazione per allegare il seguente link:
    http://www.ilfriuli.it/if/sport/calcio-dilettanti/58274/

    Qui trovate il mio punto settimanale sul campionato Carnico Amatori, on line ogni venerdì mattina.

    Ne approfitto per richiedere a tutte le società che frequentano questo sito di inviarmi per cortesia le foto di squadra per la pubblicazione delle stesse sul sito de Il Friuli. Vi lascio il mio indirizzo mail: luciano.patat@ilfriuli.it.

    Grazie e buon campionato a tutti!
    Serse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.