Settima giornata: risultati degli anticipi

Eccellenza:
A.c. Davar – Amatori Paluzza 1 – 0
Real Tolmezzo – Tilly`s Pub Amatori Sutrio 2 – 3

Prima Categoria:
Amiis Fusea – F.c. Atletico Bancone 1 – 1

Seconda Categoria:
Casino` Korona – Celtic Scluse 3 – 2

3 thoughts to “Settima giornata: risultati degli anticipi”

  1. Non strumentalizziamo lo sport amatoriale ad altri interessi, religiosi, razziali, o di casta!!! Non è assolutamente possibile che un giocatore con un curriculum come Pierpaolo, Gusetti (2 giornate di squalifica in oltre 30anni di calcio) venga espulso da un arbitro PARANOICO, per essersi asciugato educatamente la mano PRIMA di stringerla al direttore di gara, perchè il medesimo ha deliberatamente interpretato tale gesto come atto di discriminazione razziale!!! Possiamo presentare almeno 1000 testimoni che Pierpalolo, persona educatissima e civilissima, si è sempre asciugato la mano sudata prima di porgerla ad un avversario o arbitro, o dirigente, o chiuque altro abbia ritenuto opportuno salutare alla fine di una qualsiasi manifestazione sportiva!!! L’atteggiamento dell’arbitro di SilTeo – Calgaretto nei confronti dello SPORTIVO sopra citato non può e non deve avere alcuna giustificazione e potrà rientrare nell’ambito civile e sportivo soltanto con l’ammissione di colpa e pubbliche scuse da parte dell’arbitro (e sono più che sicuro che Pierpaolo le accetterà..), tanto più che, fortunatamente, il fatto è accaduto alla fine dell’incontro e non incide nel giusto risutato finale dello stesso..
    Da dirigente fondatore dell’A.C Calgaretto e Allenatore della Stessa, assieme al capitano Cescutti e al vice Gusetti, appunto, ho sempre predicato la pazienza verso direttori di gara che , inevitabilmente, sono al livello dei calciatori che dirigono, quindi amatori, e commettono gli stessi giustificabilisssimi errori, ma la costruzione, dal niente, di una accusa così grave non può essere accettata da alcuno sportivo di questo mondo!!! Oggi stesso 5 luglio 2009, l’A. C. Calgaretto riunirà il proprio Direttivo e deciderà che atteggiamento prendere di fronte a tale mancanza di professionalità e, soprattutto di buon senso, da parte dell’arbitro in questione, senza escludere azioni legali nei confronti del medesimo e della Associazione che lo ha ritenuto idoneo a tale mansione

  2. Caro Stefano, sebbene fossi presente alla partita, non ho assistito alla scena che ha portato all’espulsione di Gusetti, che per quel poco che ho potuto vedere in campo, mi sembra persona assolutamente educata e pacifica.

    Non so che cosa sia successo, ma non mi pare che pulirsi la mano PRIMA di stringerla al direttore di gara sia un atto di razzismo verso di lui. Spero che se l’arbitro ha malinterpretato il gesto di Gusetti, in sede di valutazione del referto il giudice sportivo ridimensioni l’episodio. Però ripeto, non ho assistito alla scena e quindi posso solo fare delle ipotesi.

  3. Ho potuto finalmente leggere de “il caso”. Certo è che si possono solo fare delle ipotesi su quanto accaduto. Pare che la stretta di mano sia la più accreditata ragione dell’accesa reazione dell’arbitro. La mia personale è che il Gus possa aver detto una parola in dialetto molto simile ad una offesa nella lingua propria del direttore di gara. A onor del vero, Pierpaolo si è espresso, seppur pacatamente ed alla sua maniera, con dei commenti che certamente non apprezzavano l’operato dell’arbitro, ma, in tutta sincerità, non ricordo alcuna frase ingiuriosa. Ricordo invece benissimo il rifiuto trincerato dietro un “lo so io cos’è successo” del direttore di gara alle mie reiterate richieste di spiegazioni sull’accaduto e nel frangente l’arbitro mi è parso molto turbato. Quanto sopra per cercare di fare luce su un fatto che, a meno di nuove clamorose del buon Gus, sembra essere, lo ribadisco, solamente uno spiacevole equivoco. Come società al momento abbiamo preso, nel dubbio e nostro malgrado, i provvedimenti che ci sono concessi a livello di federazione. Infine, durante la fiduciosa attesa del comunicato ufficiale, spero che il Signor Mostafa Deroui legga queste righe ed i commenti già pubblicati così da accorgersi, magari, di avere preso un clamoroso abbaglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.